Raccolta di Capitali

Posizionamento di capitale strategico e finanziario

Colleghiamo 3 tipi di investitori

Abbiamo rapporti stretti con investitori informali (chiamati anche "business angels"), con il mondo del private equity, del capitale di rischio, dei fondi di capitale delle imprese aziendali e con gli investitori aziendali strategici che sono attivi nell'industria della cannabis o stanno chiedendo la nostra consulenza per entrare in questo mondo.

Investitori informali
(o Business Angel)

Fondi di investimento

Investitori aziendali

| Investitori informali

Non solo capitale, ma anche esperienza

I partner di capitali più promettenti per le aziende in fase di creazione o pre-creazione sono gli investitori informali. Alcuni di loro dispongono di preziosi network e risorse nell'industria della cannabis globale, che possono essere ottimali per la tua attività.

FONDI DI INVESTIMENTO

Diverse filosofie di investimento

I fondi di capitale di rischio sono uno dei fondi di private equity specializzati nella fase iniziale delle start-up. C'è un altro tipo di fondi di private equity che preferisce le start-up in una fase successiva e già attiva, pertanto operative nel business. Entrambi effettuano investimenti per il guadagno di capitale dai futuri eventi di liquidità come M & A o IPO, quindi di regola c'è già un piano di uscita. Diversamente, i capitali societari di rischio aggiungono il capitale per il futuro contributo alle loro attività, senza nessun piano di liquidazione necessario.
venice-3118803_1920

Investitori aziendali

Competenze esclusive e collaborazione

Gli investitori aziendali effettuano investimenti per un contributo futuro alla loro attività. Alcuni di loro possono richiedere qualche competenza esclusiva di valore, mentre altri potrebbero voler essere un partner esclusivo regionale della startup. Ci sono grandi probabilità che effettuino ulteriori investimenti per acquistare le startup in futuro.
Ai(artificial,Intelligence),Concept.

Domande frequenti

Nello scenario migliore, è il momento di aumentare il capitale quando si verificano queste tre situazioni:

Hai sufficiente margine di liquidità per offrire flessibilità nel processo di raccolta fondi, in modo da non trovarti con la schiena contro il muro (sì, il vecchio detto “raccogli fondi quando non ne hai bisogno” è vero!).
Hai raggiunto gli obiettivi necessari per ottenere la valutazione che pensi di meritare.
Sei pronto a consegnare il pitch deck e a rispondere in maniera efficace alle richieste della due diligence.

Se da una parte è vero che alcune aziende possono permettersi di determinare il proprio prezzo, la maggior parte delle start-up in genere accetta la migliore offerta che il mercato offre. Chiedere una valutazione specifica può a volte essere una strategia di negoziazione rischiosa. Se chiedi una valutazione di X€ e gli investitori passano oltre, perché non ritengono che la società valga veramente X€, tornare da quello stesso investitore con una valutazione inferiore raramente conduce a un buon risultato.

Ovviamente vorrai adottare un approccio strategico sul capitale da ottenere, anche per tener conto della diluzione del capitale. In questo senso, ti converrà strutturare l’accordo in modo da avere una copertura sufficiente per raggiungere i prossimi obiettivi ed essere in grado di affrontare eventuali momenti di difficoltà.

Il debito può essere una grande fonte di capitale se usato in modo appropriato. Può ridurre drasticamente il costo complessivo del capitale e fornire molta flessibilità finanziaria.

Dovrebbe, però, essere usato saggiamente perché il prestito significa che alla fine dovrai restituire il capitale… e le conseguenze di non riuscire a restituirlo sono gravi (in sintesi, una bancarotta). Ricorda: il debito va considerato un aiuto al capitale, non un sostituto di esso.

Ogni azienda dovrebbe utilizzare una sorta di modello finanziario o una serie di proiezioni finanziarie. Anche se sei in una fase iniziale, dovresti riuscire a gestire una sorta di budget per capire il consumo di cassa e organizzare la raccolta di capitale in base alle migliori tempistiche.

Capire il consumo di cassa è uno dei componenti più importanti di un modello finanziario. Un valido modello di consumo di cassa include le spese dettagliate a livello organico. Anche comprendere i portatori di profitti a livello di unità è fondamentale, una volta che l’azienda attraversa la fase di generazione delle entrate.

Raccolta di capitali